Skip to Content

Il viaggiatore responsabile

1. Tre o quattro settimane prima di partire: rivolgersi all’Ambulatorio di Medicina dei Viaggiatori delle Aree Vaste Asur per ricevere consigli su come ridurre i rischi legati al viaggio e per effettuare le vaccinazioni eventualmente necessarie o raccomandate.

2. Assicurazione sanitaria: verificare di averne sempre una ben attiva.

3. Attenzione a ciò che si mangia: NO a cibi freddi o riscaldati, buffet freddi di carne, pesce o molluschi crudi di incerta salubrità, creme all’uovo o alla panna, salse crude all’uovo.

4. Attenzione a ciò che si beve: spesso l’acqua del rubinetto e delle fontane non è potabile.  Usare acqua minerale o depurata in bottiglie sigillate, evitare il ghiaccio.

5. Evitare rapporti sessuali occasionali: utilizzare sempre e comunque il preservativo.

6. Farmaci da viaggio. Ricordarsi di portare:

– farmaci che si assumono abitualmente, in scorte sufficienti, compresi liquidi per lenti a  contatto e la pillola anticoncezionale

– antimalarici (nei casi indicati) e repellenti per gli insetti.

– farmaci che potrebbero essere utili (antidolorifici, antibiotici).

– attrezzatura varia (creme solari a fattore protettivo molto alto, forbici, cerotti, salviette   disinfettanti).

7. Per prevenire le malattie trasmesse da punture di insetti: proteggersi con zanzariere, meglio se impregnate, ed applicare repellenti ed insetticidi. Nel caso particolare della malaria, quando necessario, assumere i farmaci antimalarici consigliati dal medico. La chemioprofilassi va iniziata prima dell’arrivo in zona malarica, assunta con regolarità durante tutto il periodo di permanenza e continuata ancora dopo aver lasciato la zona a rischio.

 

8. Al rientro: se si presenta una febbre di origine non chiara (38°C o più), rivolgersi al Pronto Soccorso entro 24 ore dalla sua comparsa e ricordarsi di dire che si è stati in viaggio. Se si hanno manifestazioni cutanee o intestinali o respiratorie che non regrediscono entro qualche giorno, andare a visita dal proprio   medico curante, sempre avendo cura di riportare il dato del viaggio.

9. Traffico stradale: fare molta attenzione alla guida, anche a quella degli altri. Nei paesi poveri gli incidenti stradali sono molto frequenti e spesso gravi.

10. Criminalità: attenzione a non esporre troppo denaro e oggetti di valore, specie nei quartieri e nelle aree pericolose delle città.

 

Fonte: www.simvim.org

 


Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l’informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accept acconsenti all’uso dei cookie.
Mission